ristrutturazione infissi Roma

La ristrutturazione dei tuoi infissi Roma non deriva esclusivamente da considerazioni estetiche. Gli infissi in buone condizioni garantiscono anche un buon isolamento termico dell’edificio. A seconda delle condizioni e del materiale degli infissi sono possibili diverse opzioni. In questa piccola guida ti diamo alcuni suggerimenti utili per rinnovare le tue vecchie finestre e porte a Roma da solo, senza spendere una fortuna.

I serramenti in legno sono i più fragili, esposti all’aria, la vernice si sfalda, il legno si gonfia e il mastice del vetro si sbriciola. Quando ciò accade, spesso è troppo tardi per considerare una semplice ristrutturazione. La sostituzione totale probabilmente costa meno delle diverse operazioni di riparazione successive.

In questo caso, la cornice della finestra attaccata al muro viene rimossa e sostituita da una nuova in cui verrà fissata l’apertura della finestra. Se questo è fatto correttamente, il muro non viene danneggiato. Se il telaio dei tuoi infissi Roma è ancora in buone condizioni, è possibile prendere in considerazione una ristrutturazione parziale.

È possibile modificare solo l’apertura o optare per l’installazione di una nuova finestra completa il cui telaio si avviterà sul vecchio verificando la tenuta tra i due. Un intervento più pulito e facile.

Come ristrutturare gli infissi Roma

Nel caso in cui gli infissi Roma in legno siano solo leggermente danneggiati, a volte è sufficiente carteggiare, riempire i buchi e riverniciare. Ciò richiede tempo e attrezzature specifiche disponibili in tutti i negozi di fai-da-te. Puoi anche cogliere l’opportunità di cambiare i vetri dei tuoi infissi Roma a favore di un doppio vetro, molto più isolante. Ciò potrebbe consentire a determinate condizioni di beneficiare di agevolazioni fiscali.

Infissi Roma: rinnovare una vecchia porta

Nel corso tempo, una vecchia porta, sia all’interno che all’esterno della casa, può essere danneggiata. Vernice scrostata, crepe, non è mai troppo tardi per rinnovarla e ridargli il suo fascino. Per quanto riguarda il procedimento, per prima cosa bisogna valutare il danno sulla vecchia porta, per determinare il lavoro che verrà fatto.

Se la tua porta a Roma ha lo stucco, puoi graffiare le parti che non aderiscono con la punta di un coltello. Quindi controlla la chiusura della tua porta, sia negli strati di vernice che nella guida inferiore. Se tocca il suolo, non esitare a carteggiarla.

Correzioni della vecchia porta

Nelle aree in cui la vernice si sfalda, utilizzare una levigatrice e utilizzare inizialmente un abrasivo medio e successivamente un abrasivo di finitura per ottenere una superficie completamente liscia. Allo stesso tempo, puoi rimuovere la vernice usando uno scalpello di legno e stuccare con mastice bicomponente da applicare con una spatola.

Se noti che la tua porta è deformata, usa dei morsetti e un asse di legno; questi aiuteranno a raddrizzarla. Dopo questo lavoro, spolverare la vecchia porta con l’aspirapolvere e poi pulirla con un panno umido. Puoi quindi riverniciare completamente la tua porta. Per le finiture, è possibile optare per la vernice trasparente e cera. Nell’applicazione, sii molto attento a rispettare la direzione della venatura del legno.